Novitá

La piramide decisionale - il risparmio del paziente

21 agosto 2019

Articolo a cura del nostro Dott. G. Radaelli  - Specialista in Odontostomatologia e Ortognatonzia

IL RISPARMIO DEL PAZIENTE

Poiché il risparmio del paziente rappresenta sul piano economico quello che il comfort rappresenta sul piano biologico e psicologico, ritengo  che sia doveroso eticamente introdurne il concetto.

A parità di efficacia della terapia e di comfort  finale, il dentista dovrebbe proporre la soluzione che consente al paziente di sostenere il minor carico economico possibile, senza però cadere nell’ errore di proporre una soluzione si meno costosa ma non all’altezza del problema o delle aspettative del paziente, con la conseguente necessità di rifacimento della terapia e maggiori costi.

Infatti in odontoiatria sono molti i casi in cui la soluzione dello stesso problema può passare attraverso tecniche diverse, materiali diversi ed anche procedure cliniche diverse, con preventivi di spesa talora molto differenti.

Un classico esempio, in casi complessi multidisciplinari, la scelta può essere tra una terapia conservativa di mantenimento degli elementi dentali con terapia parodontale, endodontica, ortodontica preprotesica e protesica fissa oppure una terapia estrattiva con sostituzione degli elementi dentali con impianti osteo-integrati ed una riabilitazione protesica che può essere fissa o mobile oppure ancora l’estrazione di tutti gli elementi dentali e l’applicazione di due protesi mobili.

Ed è qui che subentra l’importanza del dialogo medico/paziente per arrivare ad ottenere il miglior risultato per quel paziente in base anche alle Sue capacità economiche. 

Nel prossimo articolo il quarto e ultimo gradino della piramide decisionale.